mercoledì 10 ottobre 2012

E guardo il mondo da un oblò

Schettino, licenziato per ovvi motivi, ha fatto causa a Costa crociere per ottenere la reintegrazione. Affermo senza pudore che ha la faccia come il culo.
Ogni giorno che sorge il sole sulla Terra, in Italia un individuo che ricopre una qualsiasi mansione pubblica di rilievo viene arrestato o indagato per peculato/corruzione/appropriazione indebita e aver provocato buchi di milioni di euro nelle casse degli italiani. Come si spiega che mai nessuno riesce a scucirgli un centesimo come rimborso danni?
E' stato stabilito che la Chiesa non pagherà l'Imu, per dire! No dico, qualcuno ha mai avuto dubbi in merito?
La manovra salva so un cazzo cosa, per cui, nota bene, sono stati svegli tutta la notte, prevede tagli alla sanità e all'illuminazione pubblica nell'orario notturno (spegni le luci di notte? di giono no, di notte sì? chi è il genio che l'ha partorita?)

Quando mi fermo a pensare a tutte le ingiustizie: umane, sociali, lavorative; la disugualianza, l'egoismo, la sola rincorsa del profitto a scapito dei rapporti interpersonali, non so decidermi se sono più disgustata o affranta per l'incapacità di reagire del nostro Paese.  
Occorre darsi una bella scrollata sennò altro che Grecia

12 commenti:

  1. però in Grecia sono scesi più volte in piazza piuttosto inc.... qui niente... passività totale :(

    RispondiElimina
  2. Mah, per me la scelta di Schettino era obbligata, nel senso che non farlo sarebbe equivalso ad una ammissione di colpa, che non mi sembra tal persona sia intenzionata ad ammettere. Del resto , per permettergli di risarcire le vittime, qualche lavoro dovrà pur farlo. Anche se , ovviamente, quello vecchio non è il caso, visto le enormi responsabilità che comporta.
    Quanto all'illuminazione pubblica notturna...l'unica spiegazione razionale che mi do è questa: Come hai detto sono stati svegli fino a tarda notte....non sapevano più cosa tagliare di diverso dai loro stipendi...allora qualcuno si è affacciato un po' alla finestra e.... EUREKA!!!

    ;P

    RispondiElimina
  3. Basta guardare un tg e ogni giorno ti viene il fegato amaro.

    RispondiElimina
  4. Esatto, anche io ho la stessa sensazione a metà tra il disgusto e l'essere affranta. E una grande, immensa voglia di andare a protestare!

    RispondiElimina
  5. Una vera e propria tristezza...

    RispondiElimina
  6. regina indignata... e con ragione :)però non succederà nulla, proprio nulla, anche se continuassimo a bloggare di questi argomenti. Nessuno di quei signori che occupano il parlamento si sentirà in pericolo sino al giorno in cui vedrà luccicare le falci. A proposito: dove si compra una falce al giorno d'oggi. Bella affilata dico, perchè quando verrà il momento voglio che la mia luccichi + di tutte :)

    RispondiElimina
  7. è verissimo, così vero che non sai da dove iniziare .-.cadiamo a pezzi

    RispondiElimina
  8. La cosa che mi rende più triste è pensare che il nostro paese non ragirà, perché tutti (o comunque la maggior parte) tenta di porter più acqua possibile al proprio mulino lasciando gli altri a morir di sete. Non so in quanti siamo a voler realmente reagire: tutti parlano ma poi preferiscono fare la coda per l'iphone invece di scendere in piazza.

    RispondiElimina
  9. Pensavo le stesse cose stamattina mentre ascoltavo la radio, scoprendo che i fondi per i progetti Erasmus sono stati tagliati dalla Comunità Europea.
    Poi pensavo che abbiamo un consigliere regionale che si prende, quanto? 8.000/10.000 euro al mese escluse le lap dance o le sfilate in mutante e io che in mutante ci rimarrò sicuramente se non mi rinnovano il contratto a dicembre.
    Penso a tutta la gente onesta che alla fine lo prende sempre in quel posto e quelli disonesti che la fanno sempre franca...
    Mi chiedo se questa sia davvero la fine o se sia solo l'inizio della fine.

    RispondiElimina
  10. Io temo che l'effetto Grecia per noi sia dietro l'angolo, solo che i nostri politici non se ne sono ancora resi conto.

    Baci

    RispondiElimina
  11. io sono anche affranta dagli italiani che non fanno nulla...di questo passo dove arriveremo?

    RispondiElimina