lunedì 1 settembre 2014

[serial] The killing season 4

Con la quarta stagione (dopo essere stata resuscitata ben due volte) si è conclusa definitivamente la madre delle serie tv crime. Imperdibile******

venerdì 29 agosto 2014

[Queen's library] La verità sul caso Harry Quebert/ Per tutti i miei sbagli/Pigchic/la strana morte del signor Merello/SMS Storie mostruosamente sbagliate/Un lungo fortissimo abbraccio

Thriller. Caso editoriale del 2012. Un tomo alto quattro dita. Un'amica mi ha prestato il suo E-book per farmelo leggere. Ha insistito tanto. La trama è interessante ed è suddivisa in modo originale. Lo stile non mi è piaciuto. Sembra scritto da un adolescente. La location è scontata, ricorda Twin peaks. Anche i personaggi sono piuttosto stereotipati. I dialoghi tra il protagonista e la madre, oltre ad essere ridicoli e senza senso, non aggiungono nulla alla storia, sono totalmente inutili e poco credibili. Il comportamento della giovanissima Nola, 15enne in una cittadina di provincia, nel 1975, è poco realistico. Detto questo l'idea è buona e riesce ad agganciare il lettore. Resta comunque una dignitosa lettura estiva.***

Linda ha trent'anni, è una professionista affermata, spaccia un brutto carattere per determinazione, usa gli uomini come le salviette struccanti e l'unico che le fa tremare i polsi è l'amico Alessandro, reporter d'assalto che gira per il mondo. La vita di Linda viene sconvolta dall'incontro con Tommaso, algido diplomatico che la incarica di arredargli la splendida magione in cui intende installarsi con la futura moglie. La solita storia di una donna che fa la splendida con tutti poi incappa in quello che le fa girare la testa e diventa uno zerbino. Insomma niente di nuovo. La protagonista è odiosa ma il contorno è interessante. Si lascia leggere ma ho preferito la trilogia precedente (quella spinta!) MEH*
Chic-lit. Storia di una blogger, a tratti sfortunata ma anche tanto svampita. Trama a metà tra Bridget Jones e il diavolo veste Prada. Simpatico. Niente di originale o sbalorditivo.*

Giallo. E' il terzo romanzo in ordine di uscita ed è simpatico ma ha meno presa dei precedenti. Mi piace l'ambientazione genovese, lo slang che conosco bene ma l'ho trovato un po' forzato e piuttosto surreale e per stare dietro alle mirabolanti avventure della protagonista ho perso di vista la trama orizzontale. Peccato **

Chic-lit. Deludente. E' un libercolo che si legge in poco tempo e per tutta la lettura viene voglia di prendere la protagonista e scuoterla fino a resettarla (cit.) Mi ha fatto sorridere due volte. Finale prevedibilissimo. Inutile. Senza stelline!
Fantascienza/amore Premettendo che ho letto tutto quello che ha scritto l'autore, comprai  questo romanzo quando uscì (2011), lo prestai ad un'amica che ne disse meraviglie, iniziai a leggerlo l'anno dopo, e lo lasciai forse per distrazione. L'ho ripreso in mano al rientro dalla vacanza e l'ho letto in due giorni. Storia affascinante, complicata, a tratti impegnativa, ma sentimentale e con finale sbalorditivo (letteralmente). Se vi capita, merita****

[cinema] Captain America - The winter soldier/Una notte da leoni 3/ Gravity

 Azione. Sono trascorsi due anni dall'avventura con gli Avengers, Steve Rogers vive a Washington e lavora presso lo S.h.i.e.l.d. con Nick Fury (Samuel Jackson) e l'agente Maria Hill (Cobie Smulders) .Dopo aver portato a termine una missione insieme alla collega Natasha Romanoff (Scarlett Johansson), Steve comincia a dubitare dello S.h.i.e.l.d. Nel frattempo un misterioso individuo chiamato il soldato d'inverno tenta di uccidere Fury e dal passato del capitano emerge l'agenzia Hydra. Le new entries sono il veterano di guerra Sam Wilson (Anthony Mackie), che si trasformerà in un prezioso alleato e l'agente 13, Sharon Carter (Emily Vancamp) che nel fumetto diventerà la fidanzata di Steve. Il ruolo del vilain di turno è assegnato a nientemeno che Robert Redford. Finale aperto per il prossimo episodio e classico easter egg con nuovi personaggi di The avengers 2: age of Ultron. Piaciuto***
Commedia. Capitolo conclusivo di una trilogia mortale. Il famigerato Chow riesce ad evadere dal carcere thailandese. Nel trattempo negli Stati Uniti  Doug convince Phil e Stu a riunire il branco per accompagnare Alan in una struttura psichiatrica. Durante il viaggio hanno un contrattempo: vengono aggrediti, sequestrati e minacciati da un tizio di nome Marshall al quale Chow ha rubato 21 milioni di dollari. Marshall (dopo uno spiegone articolato sulle puntate precedenti) attribuisce a loro la colpa del furto e pretende che il branco trovi il ladro e recuperi la refurtiva; come garanzia trattiene Doug minacciando di ucciderlo se non eseguiranno l'operazione. I tre rintracciano Chow in Messico, il proposito è di stordirlo con un anestetico ma il primo approccio fallisce, riescono ad agganciarlo ma lui non si fida, ovviamente incappano in un paio di disavventure e finiscono a Las Vegas dove è cominciato tutto. Molto simpatico***

Fantascienza. Probabilmente il film più premiato del 2014. Solo agli Academy awards di 10 nominations  ne ha guadagnati 7, senza contare Bafta, Golden globe, Saturn etc. Protagonisti Sandra Bullock e lo spazio. Per 90 minuti. C'è anche George Clooney, ma dura poco. Effetti speciali eccezionali. Bel film ma non lo rivedrei ***


lunedì 18 agosto 2014

[summer] Primo giorno di ferie:pulizie di fine estate

Ho iniziato a fare pulizia questa mattina intorno alle 9.30. Non ho ancora finito. Sto buttando via la qualunque. Domani stirerò l'armadio intero, pagherò l'ultima bolletta, farò la valigia e alla sera ci approssimeremo con calma a Malpensa....

venerdì 15 agosto 2014

[summer] Ferragosto

La sintesi della giornata che mi aspetta

giovedì 14 agosto 2014

[ufficio] Ultimo giorno di lavoro prima delle ferie

Sarà la giornata più lunga dell'anno

domenica 10 agosto 2014

[summer] Di sole (velato) e di azzurro (in tutte le sue declinazioni)

Spotorno - Liguria
Nonostante previsioni nefaste, oggi si stava d'incanto


giovedì 7 agosto 2014

Film, varie ed eventuali

Commedia del 2008 George Clooney, Reneé Zellgewer e John Krasinski (adoro). Simpaticissimo***

Sequel del celebre Tron del 1982. Garrett Hedlund, Olivia Wilde e Jeff Bridges. Ricordavo vagamente  la trama, begli effetti, storia avvincente. Mi è piaciuto***

Pellicola indie. Scritto prodotto e interpretato da Joseph Gordon Levitt, con Scarlett Johansson. Valido***

Sto leggendo "La verità sul caso Harry Quebert", mi sta appassionando molto, seguo un paio di serial (di più non riesco) scatto un milione di fotografie, qualcuna la posto su Instagram, ho prenotato le vacanze, vi racconterò meglio a tempo debito, lavoro ancora la prossima settimana poi evaporo fino al 1 settembre.
E voi che state facendo di bello?

domenica 3 agosto 2014

Yoga

Da un paio di settimane ho iniziato a praticare Ashtanga Yoga. Mi ha preso subito. Consigliato*****

martedì 29 luglio 2014

[cinema] Chaos Theory - Tutte contro lui - Viaggio sola

Pellicola del 2007, protagonista Ryan Reynolds, nel ruolo di un perfettino superorganizzato a cui la moglie, per scherzo, riesce a sconvolgere letteralmente la vita. Divertente****
Il trailer era divertentissimo, il film nell'insieme è simpatico. Il cast è ben assortito. Cameron Diaz sta invecchiando (sempre figa, s'intende, ma inizia a dimostrare più della sua età) ***

Questo è un film indipendente, diretto da Maria Sole Tognazzi, che a me piace molto. Margherita Buy e Stefano Accorsi sono una coppia collaudata. Un gioiellino ingiustamente trascurato*****

lunedì 28 luglio 2014

[Queen's library] Adulterio - Paulo Coelho e altre storie

Nelle ultime due settimane ho letto in treno andando al lavoro Adulterio di Paulo Coelho. Buona partenza poi si perde, non mi è dispiaciuto ma non è sicuramente il suo libro migliore. Al mare invece ho fulminato il primo romanzo di Irene Cao, edita da Rizzoli. E' una trilogia erotica sul genere 50 sfumature, meno noiosa e ripetitiva e decisamente scritta meglio. Il primo capitolo della saga "Io ti guardo" è ambientato a Venezia, è scorrevole e si legge d'un fiato. Mi è piaciuto. Adesso sto leggendo il secondo, "Io ti sento".

sabato 19 luglio 2014

Last friday night - 30 seconds to Mars - once again

Arrivo in questo momento dalla Costa Azzurra e più precisamente Cannes. Ieri sera sono stata al concerto di Jared Leto 30 seconds to Mars alla Terrace du Palais des Festivals, direttamente sulla Croisette.
Ho prenotato tre giorni prima e ieri all'alba, anzichè prendere il treno per Genova, ho preso quello per  Ventimiglia. Da lì treno per Cannes, l'hotel era di fronte alla stazione, in centro, a 200 metri la Fnac dove ho ritirato il biglietto e dritto verso il mare la location del concerto.

Nel pomeriggio sono andata in giro per negozi, ho fatto merenda da Ladureè, ho preso un po' di sole in passeggiata poi mi sono presentata un'ora prima dell'apertura.


Una coda infinita per entrare. Sold out per 3000 persone. Quasi due ore d'attesa, prima dello show si è esibita Marina K (o qualcosa del genere) una cantante esordiente davvero bravissima, ho visto passare Tomo, che carino, ho riconosciuto un amico di Instagram e fatto amicizia con Echelon girls ukraine, tedesche e francesi. Ero in seconda fila, a 4 metri dal palco. Quando è entrato in scena Jared Leto il delirio. Ho fatto una marea di video con il mio iPhone e l'iPod gentilmente prestato dal Principe. Sono uscita bagnata fradicia di sudore, come se mi avessero lavato con una manichetta, tritata, ricoperta di confetti, insomma mi sono proprio divertita.

una delle millemila foto fatte con l'iPhone

meraviglioso

*
 
*

*
* credits to the owners
Confermo quello che ho già detto più volte in precedenza: Jared Leto è di una bellezza abbagliante

Devo ancora raccontarvi di come è finita a Roma...

martedì 8 luglio 2014

[When in Rome] 30 seconds to Mars - il concerto

L'entrata regale di Jared Leto
Il sole sembrava non voler tramontare. Non so come siamo riuscite a far passare tre ore e mezza, in piedi, senza bere un goccio d'acqua, stipate come sardine, per non abbandonare la postazione felice a poche file dalle transennne, ad una decina di metri scarsi dal palco. Quando è arrivata l'ora è apparso Jared Leto, splendido come pochi esser umani al mondo, di bianco vestito, indossando una corona (di Dolce & Gabbana) e sventolando la bandiera col simbolo dei Mars.

Senza parole
3 - 2 - 1 Il pubblico è andato subito in delirio, LETTERALMENTE, ed è iniziato il pogo perpetuo. Un plotone infinito eseguiva gli ordini del Messia, sembrava una lezione di aerobica: tutti a sinistra poi tutti a destra, carica verso il palco, salto verso il cielo. Un manicomio. Però fantastico. Non sono stata ferma un attimo, per tutta la durata del concerto, (in realtà non riuscivo a muovere un muscolo, avevo lo zaino di una tizia nello stomaco ed un'altra tipetta praticamente in spalla, però venivo spostata ovunque dalla massa).
Avrò perso almeno due kg di liquidi. Ero stremata. Ho scaricato l'iPhone registrando tutte le canzoni.

Momento dei fans sul palco
Toccante quando ha cantato ""City of Angels" guardano la postazione dove di solito c'è la batteria, e alla fine ha dedicato un pensiero al fratello Shannon grande assente di questa parte del tour (mortacci sua!).

Il concerto non è durato tanto però è stato divertente, molto movimentato e coloratissimo. Lui è un frontman eccezionale. Oltre che figo in modo assurdo (l'ho già detto, vero?)

Questo era il casino in cui eravamo immerse
Quando è finito avevamo le ossa rotte, come se ci avessero menato! Uscendo dall'ippodromo abbiamo fatto il giro dietro il palco e abbiamo spiato l'angolo degli spogliatoi dove era rintanata la band ma abbiamo visto solo Shayla McGhee (una delle assistenti personali del divo).
Io ho trovato per terra degli spiccioli, dicono che portino fortuna...
Ci siamo incamminate verso la macchina pensando a dove potevamo rifugiarci a mangiare un bue muschiato (l'ultima cosa solida l'avevamo ingerita intorno alle 16, tra sali persi col sudore e calo di zuccheri reggevamo l'anima coi denti) quindi saliamo sulla smart, ci incolonniamo con pazienza e ad un certo punto mi accorgo che l'auto di fianco a noi, una specie di Espace molto discreto, è una macchina speciale, di quelle numerate, tipo auto blu e mi viene un flash: che siano loro? all'interno vedo una bionda e riconosco Shayla, contengo l'entusiamo, non sono più una ragazzina, l'auto si infila davanti a noi, e rimaniamo bloccati nel traffico. Due commenti sullo show, un po' di musica per ingannare il tempo, mentre cerchiamo di ricaricare entrambi i telefoni competamente scarichi, la mia amica risponde male ad una coppia di ragazzi che cerca di speronarci per entrare nella fila quando dall'auto di fronte scende Jared Leto....

* la seconda e la terza foto sono state scattate col mio iPhone, prima che si spegnesse, le altre tre sono state reperite in rete (credits to the owners)

CONTINUA.....

lunedì 30 giugno 2014

[When in Rome] - 30 seconds to Mars - piccola cronaca

Ho acquistato il biglietto per il concerto dei Thirty seconds to Mars esattamente tre mesi fa. Torino è più vicina ma come resistere al fascino di Roma? Mi sono accordata con una carissima amica romana e ci siamo organizzate per andare insieme. Ho prenotato un bell'hotel in centro e per evitare i soliti ritardi dei treni un aereo all'alba da Genova. Negli ultimi tre mesi il gruppo ha posticipato per ben due volte alcune date del tour, i fans erano in panico. Le date italiane sono state confermate. Colpo di scena: lunedì 16 arrestano il batterista, Shannon Leto (che poi è il mio preferito, ovvero la ragione di tanto sbattimento) per guida in stato ebbrezza. Rilasciato su cauzione pare che possa unirsi alla band invece giovedì al concerto di Torino non c'è. La batteria è campionata. Arriva il fatidico giorno, la sveglia è fissata per le 4.45. L'orologio si ferma all'01.10. Apro gli occhi per puro caso alle 5.16 (l'ora in cui sarei dovuta uscire da casa) mi viene un coccolone! sveglio il Principe, mi lavo, vesto e infilo le ultime tre cose in borsa e ci scapicolliamo in autostrada. Ho fatto il check in on line ma il mio bagaglio a mano è fuori misura e temo che me lo facciano imbarcare! Arrivo in aeroporto, il borsone passa, colazione al bar, un bacio al Principe e mi imbarco. Alle 8 sono a Fiumicino. Vago dal terminal al trenino per raggiungere Termini, arrivo in hotel con 5 ore di anticipo rispetto al check in, mi offrono un caffè, mettono a disposizione uno spogliatoio per cambiarmi, chiedo di mettere in carica il telefono (maledetto iPhone, la batteria dura poche ore) e con le istruzioni del gentilissimo receptionist raggiungo la mia amica a Ponte Milvio. Da lì partiamo con una grintosissima smart alla volta di Capannelle attraversando Roma sul GRA. Dopo una settimana di maltempo è tornato il caldo. A mezzogiorno ci sono già 28 gradi. Abbiamo acquistato il biglietto per il sound check, che da diritto all'ingresso anticipato. Coda di circa 3 ore sotto il sole battente, entriamo nello spazio riservato, pizza gratis e boccali di birra a prezzi modici. Quando è il momento raggiungiamo il prato e attendiamo istruzioni. Ci disponiamo ordinatamente contro le transenne. La triad (logo/simbolo del gruppo) campeggia sul palco, arrivano i tecnici che controllano le ultime cose poi a destra spunta Jared Leto, pantaloni neri, t-shirt bianca, Vans nere e Ray-ban a specchio e la folla impazzisce.

Mr. Jared fuckin' Leto
Il pubblico è in adorazione. Io e la mia amica rimaniamo un attimo senza parole. Shannon non è presente. Non cè neppure la batteria. Ho un brutto presentimento...

Jared saluta, parla in italiano, corre da un lato all'altro del palco, poi inizia a cantare. E ci incanta....

Ha una voce potente. Oltre ad una presenza di una bellezza imbarazzante. Sono rimasta impressionata.

Tomo Milicevic
Il chitarrista è un personaggio simpaticissimo. Adorabile.

Il tutto è durato circa 40 minuti (nel frattempo due mega schermi ai lati del palco trasmettevano il partitone dell'Italia contro Costarica). Dopodichè abbiamo dovuto attendere altre tre ore per il concerto....

*le foto sono state scattate col mio iPhone, prima che la batteria terminasse!!

CONTINUA....

domenica 22 giugno 2014

[When in Rome] - 30 seconds to Mars - prologo

Sono a Roma da venerdì. 

Ho visto il concerto dei Thirty seconds to Mars 

e ho avuto un incontro riavvicinato con Jared Leto (questa ve la devo proprio raccontare!)
 
L'aereo parte stasera, i dettagli quando torno. 
Stay tuned.

giovedì 19 giugno 2014

La parola chiave è MULTITASKING














Ho appena fatto il check in on line.
Domani all'alba prenderò un aereo per Roma.
Non sto nella pelle!
Thirty seconds to Mars



















Ho un milione di cose da fare (lavatrice, passare in banca, visita dal dentista, parrucchiera, preparare valigia perchè non so che tempo farà) e poche ore a disposizione. Praticamente mi sono alzata come se dovessi andare in ufficio.

Presto che è tardi.











Best regards

sabato 14 giugno 2014

Mentre imperversava Ciclope....

Ho letto il primo romanzo di Selvaggia Lucarelli e mi è piaciuto molto. E' una bella storia, ben articolata, divertente e commovente, con risvolti tragici, comici ed un lieto fine. Un gradevole passatempo.

Ho iniziato a seguire Masters of sex, un serial Showtime, tratto da una storia vera, interpretato da Micheal Sheen e Lizzy Caplan. Ricostruzione storica dello studio effettuato del ginecologo statunitense William Masters e la psicologa Virginia Johnson sulla fisiologia umana durante il sesso. Forte!

Nel weekend mi spalmo al sole come se non ci fosse un domani. La scorsa settimana ho fatto il primo bagno. Fresca.

E finalmente oggi mi sono concessa una giornata intera di coccole: pulizia del viso e trattamento contorno occhi, ritocco shatush e stiratura a vapore, gel lac mani e piedi. Sono una donna nuova

E domani, visto che Ciclope ha collassato in favore della nuova perturbazione e si prospettano nubifragi per tutto il giorno, pensavo di dormire fino a che mi reggerà il materasso

 
Intanto adesso andiamo a tifare Italia che gli Azzurri scendono in campo contro l'Inghilterra.

Buon weekend