venerdì 30 gennaio 2015

La primavera di gennaio, Je suis Charlie, Tsipras e le Quirinarie

Gennaio volge al termine. Se il primo mese è indicativo del resto dell'anno tirate voi le somme: tempo instabile, stagioni sballate e previsioni meteorologiche flop, una capitale europea tenuta in scacco da tre terroristi, una strage insensata che per una settimana ci ha tenuto tutti uniti in un lutto globale (che si è drammaticamente sciolto nel solito ideale di facciata) polemiche inutili dietro la liberazione delle giovani cooperanti italiane, vittorie politiche altrui viste come becere opportunità e la solita manica di cazzari che perde tempo e spende i soldi dei contribuenti facendosi selfie e candidando i personaggi dei fumetti.


Se il buongiorno di vede dal mattino non siamo partiti benissimo....

5 commenti:

  1. A gennaio ne sono in effetti capitate di tutti i tipi. Soprattutto dei peggio tipi.
    Non siamo partiti benissimo no...

    RispondiElimina
  2. Siamo partiti col botto, insomma!

    RispondiElimina
  3. Condivido. E non e' ancora finita!

    RispondiElimina
  4. Guarda il lato positivo, almeno non ci annoiamo :)

    RispondiElimina