mercoledì 20 gennaio 2010

[Queen's library] Il tempo che vorrei


stasera ho finito l'ultima fatica di Fabio Volo
e per la verità io ho fatto fatica a leggerlo
rispetto ai romanzi precedenti, scorrevoli, leggeri,
quelli che divori in un attimo
questo è pesante
mi sono incagliata nelle prime trenta pagine
non riuscivo ad andare avanti
il protagonista è troppo pessimista, lamentoso,
non esce dal problema per tutto il libro
la trama è infarcita di luoghi comuni,
esasperata dalle citazioni,
per certi versi troppo esplicita nelle descrizioni degli amplessi
stile e toni restano invariati,
la scrittura è simpatica, scanzonata, immediata, divertente
tutti si riconoscono nei suoi personaggi
protagonisti o comprimari che siano

la storia di base ha una buona idea,
secondo il mio onesto parere non sfruttata al meglio


la sensazione è che volesse pubblicare un romanzo
a tutti i costi come strenna natalizia, a scapito della trama,
un po' come i cinepanettoni con DeSica

4 commenti:

  1. hello!
    anche io ho l'idea da troppo tempo di uscire da un certo ambiente!
    ;)

    RispondiElimina
  2. > Alexisworld > ciao! allora ti aspetto qui? ;D

    RispondiElimina
  3. Ciao Regina Bi. Pensa un pò, a Fabio Volo ho mandato una mail giusto ieri sera per dirgli cosa pensavo del suo libro, certo, la mia analisi non era di certo lucida e completa come la tua, ma la penso più o meno come te sui prodotto di Volo e questo è effettivamente PESANTE (mi ricordava un pò troppo me stessa nei miei momenti peggiori!!).
    Chissà se mi risponderà o se mi farà fare una colossale figuraccia di quelle telefoniche nel suo stile, mah, staremo a vedere, gli ho pure messo il link del mio blog così se vorrà verrà a distruggermi 'a domicilio'.
    ...Quando la gente ha tempo eh!!

    RispondiElimina
  4. ma ne vogliamo parlare del finale? ;)

    RispondiElimina