mercoledì 20 aprile 2011

Prosciutto prosciutto


Quando mia madre era piccola la sua famiglia (braccianti agricoli) allevava alcuni animali: oche, galline, conigli, un mulo ed un maiale che, mi raccontava, si comportava come un cane, era socievole, estremamente pulito, e quando fu sacrificato piangeva e non voleva uscire dal recinto; quel giorno lei ebbe la sensazione che conoscesse il destino che lo attendeva. Questo racconto mi è rimasto impresso da tutta la vita. Ma veniamo al motivo del post: non vado pazza per la carne, ne mangio il minimo indispensabile per sopravvivere, non tocco l'agnello per principio, quando penso che la bistecchina è un vitellino dagli occhi rotondi mi vengono i lucciconi, le poche volte che mangio il coniglio, devo assolutamente dissociarlo dalle immagini dei teneri batuffoli di pelo con le orecchiette lunghe, sennò digiunerei per giorni, e con questo dove voglio arrivare? Due settimane fa il Principe tornando da Treviso in autostrada ha trovato diversi camion che trasportavano bestiame, tra i tanti uno di Sus scrofa domesticus (sì insomma, maiali). Superando il camion ha visto chiaramente tutti i maiali stipati e dalle grate spuntava qualche muso, e qualche orecchio. Mi ha detto che gli si è stretto il cuore. Da quel momento non ho più avuto voglia di mangiare insaccati et familia. Non ho mai pensato che il prosciutto fosse un frutto e crescesse spontaneamente nelle cantine, però pensare al maiale che soffre mentre va al patibolo mi ha fatto venire i brividi, e così non mangio prosciutto da due settimane. Ecco, l'ho detto!

10 commenti:

  1. Non mangio carne da oltre 20 anni...
    Mi sento bene con me stessa.

    RispondiElimina
  2. Io cerco di limitarmi, perco condivito il tuo pensiero. Poi Kylie fa benissimo.

    RispondiElimina
  3. Non mangio carne nè derivati animali. Per salute e per etica. Anche io mi sento bene con me stessa e con quello che ho intorno.
    Credo che siano scelte drastiche: o tutto o niente.

    RispondiElimina
  4. Ecco, mi capita ogni volta.
    Io sono una carnivora folle, sono emiliana e per me il maiale è sacro... da mangiare.
    Cerco quindi di vivere nell'oblio: da vera cagasotto ed ipocrita, lo ammetto.

    RispondiElimina
  5. ...posso ripassare lo stesso di qua? Anche se a pranzo mangerò prosciuttino cotto buono buono? :(

    RispondiElimina
  6. E' una scelta nobile, Queen :)

    RispondiElimina
  7. questo post mi fa sentire terribilmente in colpa, visto che da buona sarda non riesco a rinunciare a un bel pezzo di porceddu; a pensare a quello che hai scritto mi sento male, però se non lo mangiassi almeno per le feste diventerei una reietta...

    RispondiElimina
  8. sono d'accordo con chi ha scritto che è una scelta drastica:o tutto o niente.
    tutti gli animali soffrono,prima d'essee uccisi.
    se scelta etica dev'essere,che non sia ipocrita,almeno.fai bene a rinunciare anche al maiale.non è che coniglio e agnello meritano di vivere solo perchè sono teneri pelosi e puzzano meno..

    io mangio carne.spesso mi chiedo se smetterò,per scelta.

    RispondiElimina
  9. Anche le Aragoste strillano quando le buttano nell'acqua bollente...è straziante, non l'ho sentito di persona ma sentito e visto su internet.....non mangio coniglio è troppo uguale ai gatti che amo, non mangio agnello perchè è troppo piccolo e nemmeno il porcellino o porceddu che i Sardi amano cucinare.....mangio la mukka perchè ho dei valori nel sangue che con le medicine da sole non salgono e mangio prosciutto perchè mi piace, confesso......

    RispondiElimina
  10. Mangio poca carne.....qualche anno in un viaggio in macchina verso il Portogallo attraversando la Spagna incontrai molti camion che trasportavano maiali...Si sa, la Spagna produttice e distributrice di prosciutto in tutto il modo!Bene, o male....ho saputo che durante questi viaggi numerosi capi di bestiame stipati a più non posso, muoiono soffocati, morsicati dai loro simili e di stenti....orribile non trovi?

    RispondiElimina