giovedì 26 gennaio 2012

Una parola sul naufragio della nave Concordia


Non bastavano i genialoidi in gita all'isola del Giglio per fare una fotoricordo con il relitto incagliato sullo sfondo,(perchè stupirsi? le hanno fatte davanti alla casa di Cogne, sulla tomba di Sarah Scazzi, con la nave in affondamento, stile Titanic era imperdibile!) oggi un super-yacht, all'inizio attribuito allo stilista Cavalli, prontamente smentito dalla parte in causa, curiosava intorno alla nave.... Seriamente. Viviamo con la spettacolarizzazione delle tragedie. Pensavo fosse sociopatia, adesso sono certa che sia demenza, pura e semplice. Ed è virale. Siamo tutti contagiati. Nessuno è immune.

Certe gente dovrebbe essere presa a mazzate, al paio, finchè diventano dispari!

28 commenti:

  1. La spettacolarizzazione del dolore è ormai consuetudine radicata in questo paese...e ci sarebbe solo da mettere la testa sotto la sabbia per la vergogna per questo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. una delle tante cose che mi fa indignare!

      Elimina
  2. Quanto hai ragione mia cara! Ma si puo'? Ma che cazzoz di persona sei a farti la foto davanti la tomba di una ragazzina? Ormai davvero il tragico fa audience, e hai ragione anche su un'altra cosa: E' demenza, pura e semplice.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e sembra peggiorare, è questa la questione! :(

      Elimina
  3. Quale modo più semplice per finire sui giornali e in tv?
    Baci e cartoline da Alassio

    RispondiElimina
  4. super ragione, mia cara! non guardo molto la tv, e specialmente certi programmi, ma l'altra sera facendo zapping, mi imbatto in Portaaporta e C'ERA IL MODELLINO DELLA CONCORDIA! io e mio marito siamo stati a guardare per 2 minuti BASITI! Ma si può???? Demenza assoluta e imprecisa per giunta, perchè il povero esperto marinaro che tentava di rispondere alle dementi-domande di quel essere immondo doveva sottolineare che il fianco del modellino in vista era quello sbagliato... demenzialità allo stato puro e all'ennesima potenza che alimenta il turismo idiota id persone ancora più idiote

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'ho letto su Twitter, mi sono rifiutata di girare canale *__*

      Elimina
  5. Comppletamente d'accordo. Consiglio la visione di "Killer Star", il video della canzone di Immanuel Casto :)

    RispondiElimina
  6. Completamente, in effetti, si scrive con una p sola.
    -_________-'''

    RispondiElimina
  7. la cronaca nera non esiste più, ormai é solo pettegolezzo e la gente sta diventando davvero morbosa!

    RispondiElimina
  8. il fatto è che siamo diventati morbosi: vogliamo sapere tutto di tutti fino al minimo dettaglio, un "interesse" in continua crescita che è passato dal semplice pettegolezzo alla smania... Questa però è anche colpa dei media, che tuttavia fanno il loro mestiere: creano un prodotto da vendere, se non trovassero domanda...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. capisco il dovere di cronaca ma c'è anche un limite alla decenza *__*

      Elimina
  9. gli italiani si gongolano nelle tragedie. facciamo schifo. abbiamo bisogno di dolore e sensazionalismo, sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a volte capisco come ci percepiscono all'estero e non posso dargli torto!

      Elimina
  10. Non si può non essere d'accordo con te!

    RispondiElimina
  11. Vogliamo parlare dei giornalisti che vanno ad intervistare i curiosi ? Ma che intervisti ?!?!
    ps: Versatile Blog Award per te,ciao !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ho più parole, solo insulti!

      grazie, corro!!!!!

      Elimina
  12. concordo! E' una vergogna...tutto questo turismo del dolore è incentivato dalla televisione che non fa altro che trasmettere sempre le stesse notizie per mesi...è un circolo vizioso. Non ho proprio parole!

    http://mylifeasgs.blogspot.com/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e non è ancora finita, finchè la nave è ancora lì...

      Elimina