martedì 26 febbraio 2013

Poeti, santi e navigatori (ladri, buffoni, lacchè e smemorati)


Il giorno dopo i risultati delle elezioni il Paese è in subbuglio: gli italiani confusi, delusi, affranti; lo spread alle stelle, qualcuno si frega le mani, altri si domandano ingenuamente cosa non ha funzionato!

E la cosa che mi fa ridere forte è la caccia ai berlusconiani: tutti a cercare chi lo ha votato!


Suvvia, cerchiamo di essere sportivi! Anche io sono disgustata dalla piega che hanno preso le cose ma non posso e non voglio farmene una croce. Suggerisco di non amareggiarci oltre il dovuto, occorre alzare la testa, accettare dignitosamente, come si fa in democrazia, la scelta del popolino, anche se non condivisa, e continuare a lottare perchè il bene comune e i diritti vengano rispettati.

Non passerà molto prima che si torni alle urne....

11 commenti:

  1. Ci provo domani a reagire.
    Oggi corteggio voli per l'America.

    RispondiElimina
  2. mi trovo molto d'accordo con la tua ultima affermazione. il fatto che cambi qualcosa, poi, è un'altra storia..

    RispondiElimina
  3. Ormai i giochi sono fatti...Ora sono proprio curiosa di vedere come gestiranno la questione...

    RispondiElimina
  4. Secondo me faranno la santa alleanza per spartirsi un pochino la torta...

    RispondiElimina
  5. Hai ragione, occorre guardare oltre.
    ma chi accidenti ha votato il nano??? Li voglio vedere, x aver la soddisfazione di sputarli in faccia.
    E sono calma :)

    RispondiElimina
  6. Sono contenti i politologi, però! :)

    RispondiElimina
  7. Non riesco a prenderla con lo stesso spirito.Questo è un paese dove tre stronzi su dieci condizionano il futuro di un popolo.Mi consolo pensando che è quello che si meritano.

    RispondiElimina
  8. Vedrai che nessuno ammetterà di aver votato B.!

    Buon mercoledì!

    RispondiElimina
  9. Ecco, questa è la politica che vorrei: persone che rispettano gli altri anche se la pensano diversamente e non insultano gli altri solo perché vedono le cose in modo differente. Peccato che nel nostro Paese -molto democratico...- sia una cosa rara!

    RispondiElimina
  10. Ho lavorato ai seggi, non puoi capire la delusione mentre mi passavano tra le mani tante schede inutili!

    RispondiElimina