mercoledì 25 settembre 2013

[parrucco] La prima volta dal cinese

Ho fatto un esperimento: sono stata dal parrucchiere cinese. Più di una volta avevo sbirciato con curiosità i saloni accalcati come i mezzi pubblici nelle ore di punta, dopo aver ascoltato tutte le legggende metropolitane al riguardo questa sera sono andata a fare una piega dal cinese nella via di casa. Il lavaggio è un sollazzo, mi avrà massaggiato la testa per dieci minuti buoni, la piega è stata veloce ma perfetta, una passata con la piastra, rifinitura con gocce di semi di lino, il tutto in circa 25 minuti al modico prezzo di 8 €.
Da rifare senza indugio.

28 commenti:

  1. Credo dipenda dal tipo di capelli che si ha. Io li ho sottili... preferisco non rischiare.

    Buona giornata cara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io li ho sottili ma devo ammettere che me li hanno trattati davvero bene :)

      Elimina
  2. Anche io ho sentito diversi pareri positivi...E ho anche visto personalmente i buoni risultati...Io sono ancora un pochino titubante...Sono un pò fissata sui capelli...Anche se il fatto di risparmiare è una bella tentazione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non farei mai tinte o tagli, un lavaggio ed una piega non mi hanno fatto temere per la sorte dei mie capelli, e io sono fissata, credimi ;)

      Elimina
  3. Io ho sempre avuto paura dei parrucchieri (trauma adolescienziale: una parrucchiera mi tagliò corta a maschio. Io AMAVO i miei capelli), quindi non sono mai bendisposta a nuovi esperimenti. Ma effettivamente anche io ho sentito buoni pareri... chissà se troverò il coraggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tutto sta nell'andare in posti frequentati, magari in un salone dove non vedo mai nessuno neanche io mi fiderei :D

      Elimina
  4. Buono, il problema di questi cinesi mi dicevano era per quanto riguarda tinte varie...

    RispondiElimina
  5. Ciao! che bello il tuo blog!
    Io vivevo in china town a milano, ma non ci sono mai andata... fossi in te non mi farei mai fare una tinta, come dice essereincompresi.
    Lo sai che sul vetro di uno c'era scritto "si servono anche stranieri e italiani" ? :))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Rachele, grazie :)
      il problema tinta non si pone.
      Azz, adirittura? *_*

      Elimina
  6. Brava. Tutti meritano una chance :D

    RispondiElimina
  7. Conosco un sacco di gente che ci va e che non cambierebbe più parrucchiere perchè dai cinesi si trova benissimo.
    Il mio parrucchiere è un mio amico, altrimenti proverei anche io!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche la mia è un'amica, ed è l'unica che ha sopportato in tanti anni i mie colpi di testa (mi ha salvato quando ho fatto i miei esperimenti) ma una piega innocente non incrinerà la nostra amicizia :D

      Elimina
  8. credo che per la piega il cinese vada più che bene...avrei dei dubbi solamente sui prodotti che usa! Hai controllato quali fossero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ovviamente, sennò non sarei nemmeno entrata, L'Oreal professional come la mia!

      Elimina
  9. anche io ne ho sentito parlare bene e il risparmio fa senz'altro comodo, peccato che da me non ce ne sia uno :/

    RispondiElimina
  10. Bravissimi loro! però se fossi una parrucchiera forse un po' mi starebbero sulle palle. Concorrenza sleale?

    RispondiElimina
  11. Un paio di volte per una piega veloce mi sono servita dei parrucchieri cinesi vicino all'ufficio.
    Risultato perfetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, ho provato perchè in caso di emergenza so già dove andare ;)

      Elimina
  12. Wow! Proverò. Non so quando, ma proverò :)

    RispondiElimina
  13. Ci andavo,per risparmiare.
    Se si becca bene,ce ne sono di capaci.
    Infondo a fare un colore e una piega non ci vuole una laurea.

    Adesso se non voglio spendere piuttosto faccio da sola.
    Questione di principio.
    Solo questione di principio.
    [e non razzismo,principio.
    Io vado a mangiare sushi,e compro borse etniche rigorosamente da venditori ambulanti senza minimamente contrattarne il prezzo,sperando che qualche euro finisca nel loro pranzo.
    Ma nei saloni di parrucchieri cinesi(dove sono stata io),quelli lavorano senza fare ricevute,non ci pagano le tasse,molto del personale è senza qualifiche e viene pure sfruttato.

    Io mi lamento della concorrenza sleale nel mio settore.e quella concorrenza"sleale"mi costa lavorare anche dodici ore al giorno senza percepire straordinari e spesso senza contratto,solo perchè tanto se non resti tu c'è qualcun altro disposto a restare.

    Dobbiamo provare ad essere coerenti,anche quando ci costa fatica.
    In un mondo dove l'unico potere sono i soldi,e quindi anche il nostro potere è limitato troppo spesso al potere d'acquisto più che a quello di voto,temo sia il solo modo di contribuire a cambiare le cose..]

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eticamente mi trovi perfettamente d'accordo, per la verità stavo malissimo, avevo bisogno di fare una piega perchè veniva il capo in ufficio, la mia parrucchiera non è vicina a dove abito, non avevo tempo e ho ottimizzato, per come sono organizzati hai ragione, una tantum ci può stare ;)

      Elimina
  14. ;) oh yes...
    infondo chi è senza peccato?..
    [scagli pure la prima pietra..]

    RispondiElimina